Sabato 12 marzo l’apertura della quinta Porta sociale

Per la convivenza tra le culture

Le immagini del Centro Interculturale Miguelim con donne migranti, nel quartiere di Torpignattara, gestito da ASINITAS Onlus, mostrano i laboratori in cui si svolgono le diverse attività: i laboratori tra donne immigrate e italiane per favorire la conoscenza reciproca e il dialogo; la scuola di italiano per donne straniere per permettere loro il raggiungimento di una certa indipendenza e consapevolezza nei bisogni comunicativi nelle svariate situazioni relazionali, come andare alla posta, rinnovare il permesso di soggiorno, parlare con gli insegnanti dei figli a scuola, confrontarsi con i vicini di casa; la scuola di arabo e di cinese per i bambini figli di immigrati che frequentano la scuola pubblica Elementare e in questo modo recuperano la conoscenza della lingua-madre.

Per rafforzare il senso d’identità e appartenenza al quartiere, condizione essenziale per favorire l’inclusione in un territorio, le immagini delle facilitatrici e facilitatori culturali dell’ APS L’Albero delle Culture, presentate nella mostra fotografica interattiva Memorie di Torpignattara realizzata dall’associazione, mostrano i luoghi ai quali le persone fotografate si sentono maggiormente legate, posti che porterebbero con sé nel proprio ricordo, qualora dovessero lasciare il quartiere o la città per tornare nei loro paesi d’origine.

Renato Mastrosanti

 Visualizza i video dell’evento

 Il 12 marzo il coordinamento del Giubileo per i Romani ha aperto la quinta Porta sociale su un mondo di colori, suoni, profumi che ci accolgono e ci guidano all’interno del Centro Interculturale Miguelim per donne migranti, nel quartiere di Torpignattara.

Cecilia Bartoli, coordinatrice di ASINITAS Onlus*, l’associazione che ha promosso e gestisce il centro, in collaborazione con l’APS L’Albero delle Culture**, è la nostra guida: “Ci troviamo negli spazi della scuola Pisacane assegnati dall’Amministrazione del Municipio V” spiega, “abbiamo iniziato le nostre attività educative e di integrazione undici anni fa con 6 donne ed oggi sono circa cento. Dicono che le donne straniere sono refrattarie, ma i numeri dimostrano il contrario! Certo nessuno può negare l’esistenza di difficoltà specifiche, come ad esempio l’essere abituate ad un’istruzione di genere e ad avere molte gravidanze consecutive, proprio per questo ci siamo organizzati in modo tale da fornire accoglienza ai bimbi in età prescolare”. Tante le donne italiane e straniere che oggi lavorano per le donne che frequentano il centro, in qualità di educatrici, docenti e facilitatrici, per dare assistenza alle madri, per insegnare l’italiano alle donne adulte e far recuperare la conoscenza della lingua-madre ai bambini figli di immigrati. “Tutti in un’unica comunità: una pluralità di voci, in un contesto di scambio paritario autentico” afferma la Bartoli, “Torpignattara è un quartiere problematico, certo, ma anche vitale e ricco di realtà che quotidianamente si impegnano sul territorio, come il Comitato di quartiere, rappresentato qui da Luciana Angelini, che si occupa della tutela del Bene comune, di recupero di spazi verdi e organizza iniziative culturali”.

Tante realtà della società civile che però non ricevono il giusto supporto dalle Istituzioni. “E’ la comunità che si aiuta reciprocamente. Il modello di integrazione sociale che il territorio esprime è un laboratorio cittadino che andrebbe studiato, sulla base dei risultati positivi ottenuti”, aggiunge la coordinatrice di Asinitas. “I percorsi di accoglienza ed integrazione che qui si propongono, sono in grado di prevenire potenziali conflitti sociali”, rafforza Renato Mastrosanti, Presidente dell’Albero delle Culture.

La visita prosegue, accompagnati dalle belle voci del coro al femminile che in una delle stanze sta intonando canti popolari, in preparazione della partecipazione alla festa delle performance artistiche “Alice nel Paese della Marranella”, IV edizione, ulteriore testimonianza della ricchezza espressiva del quartiere.

La classe mista di lingua cinese per bambini ci accoglie, mentre i bambini ripetono all’unisono le frasi pronunciate dall’insegnante nella loro lingua madre, probabilmente nessuno di noi comprende le parole dette o scritte sulla lavagna, ma il suono ci arriva dolce, ci emoziona e stimola in noi curiosità, voglia di comunicare, di conoscere, di partecipare, per non sentirsi esclusi.

Segue il nido, che ha sicuramente una funzione importante all’interno della struttura. Tanti bimbi che giocano, sprizzando vitalità da tutti i pori! Qui conosciamo la direttrice Nashrin, mentre tiene in braccio il suo bimbo di 7 mesi, e ci parla della sua esperienza professionalizzante che da ex studentessa del centro, per 6 anni, l’ha portata a frequentare un corso di facilitatrice culturale e poi all’insegnamento delle lingue Bangla e Inglese per bambini.

Nella classe di arabo, i piccoli alunni ci accolgono in cerchio e noi ospiti ci uniamo formandone un altro, mentre la docente cerca di insegnarci qualche parola, sebbene con scarsi risultati da parte nostra! “Siamo due insegnanti per 2-3 gruppi di studenti di età eterogenea, ho insegnato 13 anni in Egitto e da 1 qui in Italia”, ci dice Noha, mentre Mona, che insegna qui da 4 anni, ci spiega che al centro preparano su tutte le materie affinchè gli alunni possano dare gli esami al Centro Culturale Arabo e conseguire così un attestato riconosciuto in Egitto: “Siamo passati da 3 a 35 bambini, abbiamo anche un alunno del Nicaragua e uno rumeno”, aggiunge.

Terminate le visite, ci aspetta un colorato e profumato brunch multietnico, le persone, italiane e straniere, e le loro voci si mischiamo e ne esce un’armonia nuova, un suono unico, che esprime la convivialità delle differenze, l’incontro, il dialogo, e che pur mantenendo forte l’identità culturale di ciascuno, ci racconta la storia della costruzione di una comunità coesa e solidale.

Rita Mazzeo

——–

*ASINITAS Onlus (asinitas.org) è un’associazione che promuove attività rivolte alla cura, educazione-formazione, accoglienza e testimonianza di persone minori e adulte, italiane e straniere. In particolare favorisce percorsi di autonomia per l’inserimento sociale di soggetti prodotti e/o percepiti dalla società come non-uguali, con attività quali scuole di italiano L2 per donne e madri straniere, rifugiati, richiedenti asilo e migranti; uno spazio d’ascolto per donne e famiglie italiane e straniere; corsi di formazione per insegnanti, operatori ed educatori.

**L’Albero delle Culture è un’associazione di promozione sociale, che tra i soci fondatori vede insieme ben 12 nazionalità, impegnata a favorire il processo di integrazione multiculturale nel territorio del V Municipio in generale e a Torpignattara in particolare.

Sede dell’evento

Centro interculturale Miguelim, via Policastro 45 (II piano – scale sul retro), Roma

Sabato 12 marzo 2016 dalle ore 10 alle ore 12

Porta sociale di “Asinitas Onlus” e “L’Albero delle Culture” – Programma dell’evento

  • breve presentazione dell’Associazione “Asinitas Onlus” e dell’APS “L’Albero delle Culture”
  • visita al centro interculturale delle donne Miguelim
  • visita alle attività in corso:
    • scuola d’italiano per le donne immigrate
    • corsi di lingua araba e cinese
    • accoglienza per i bambini in età pre-scolare
    • centro ascolto individuale per il sostegno psicologico,l’orientamento sociale, formativo e professionale
    • laboratorio manuale ed espressivo
    • laboratorio interculturale con i bambini delle scuole elementari e medie
  • proiezione del docu-film “Sababu, la porta che apre altre porte” sulla scuola e il metodo
  • brunch multietnico

Presentazione di Asinitas

L’associazione ASINITAS Onlus si occupa di educazione e di intervento sociale, con le finalità di promuovere attività rivolte alla cura, all’educazione-formazione, all’accoglienza e alla testimonianza di persone minori e adulte, italiane e straniere. In particolare promuove percorsi di autonomia volti all’inserimento sociale di soggetti prodotti e/o percepiti dalla società come non-uguali, rafforzando la loro presenza sociale secondo i principi e i metodi dell’ educazione attiva, della cura centrata sulla persona, della narrazione e della raccolta di biografie e testimonianze.

Asinitas coordina a Roma diverse scuole di italiano L2 per donne e madri straniere, rifugiati, richiedenti asilo e migranti, laboratori manuali espressivi per bambini, uno spazio d’ascolto per donne e famiglie italiane e straniere, laboratori informatici, laboratori teatrali, percorsi di orientamento socio-sanitario, culturale, formativo e professionale, corsi di formazione per insegnanti, operatori ed educatori.

Referenti

| Carolina Purificati – contatti@asinitas.org | Cecilia Bartoli – ceba@hotmail.it | Alessandra Smerilli – asmeriz@yahoo.it – 334.3309917 | Valentina Anselmi – valentina.anselmi@asinitas.org – 328.4170941 | Behts Ampuero – behts.ampuero@asinitas.org – 320.8118835 |

Presentazione dell’Albero delle Culture

L’Albero delle Culture è una Associazione di Promozione Sociale formata da facilitatori culturali, mediatori culturali, antropologi, psicologi sociali, dirigenti di organizzazioni di volontariato e di comitati di quartiere, organizzatori e operatori sociali, che tra i soci fondatori vede insieme ben dodici diverse nazionalità, impegnati a favorire il processo di integrazione multiculturale nel territorio comunale del 5° Municipio in generale e a Torpignattara in particolare.

Tra le finalità che si prefigge: realizzare progetti di utilità sociale; promuovere iniziative sociali, educative e culturali; favorire la promozione sociale del territorio; favorire l’integrazione e l’incontro tra le varie generazioni, religioni, etnie e tra persone di differenti condizioni fisiche e sociali; diffondere i valori di solidarietà e rispetto per l’altro e per l’ambiente; sviluppare una cultura dell’accoglienza e dell’integrazione per prevenire potenziali conflitti dovuti ai diversi sistemi di codici e valori culturali.

Referenti

| Renato Mastrosanti – renato.mastrosanti@gmail.com – 333.1214925 | Virginia Calabritto – v.calabritto@gmail.com | Ivanilde Carvalho – ivanilde.carvalho@gmail.com |

Per informazioni su Giubileoperiromani.it

| Rita | Mazzeo | 3403053421 | staff.forumtslazio@gmail.com

| Paola | Springhetti | 3484723037 | paola.springhetti@cesv.org

Asinitas Onlus – Foto di repertorio

Previous Image
Next Image


L’Albero delle Culture – Mostra di Torpignattara

 clicca qui per vedere la mostra (Fotografia di Francesco Struffi)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *